Questo servizio utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di utilizzo.

Cliccando su Approvo, acconsenti all'uso dei cookie.

Martedì, 17 Luglio 2018

Nuovi occhi elettronici per La Fenice

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Enzo Hruby il Teatro diventa modello di riferimento per la sicurezza delle strutture e degli spettatori attraverso le tecnologie più avanzate

Teatro La FeniceLa Fenice ha occhi nuovi. Sono quelli delle telecamere di videosorveglianza appena installate nell’ambito del progetto sostenuto dalla Fondazione Enzo Hruby di Milano, da oltre dieci anni impegnata per la protezione del patrimonio culturale italiano contro i vari rischi a cui è quotidianamente esposto, in primo luogo furti, sottrazioni e atti di vandalismo. Dopo essere già intervenuta negli scorsi anni a Venezia per sostenere la protezione della Fondazione Giorgio Cini e della Caserma Madalena, la Fondazione Hruby ha recentemente avviato una collaborazione con la Fondazione Teatro La Fenice per sostenere un progetto pluriennale destinato all'implementazione e all'adeguamento del sistema di videosorveglianza del Teatro. 

La prima fase dei lavori, realizzata dalla società Umbra Control di Perugia, azienda Amica della Fondazione, si è recentemente conclusa e ha permesso l’aggiornamento funzionale e tecnologico di parte dell'impianto con due obiettivi: l’adeguamento degli apparati e degli strumenti di controllo e gestione e l’incremento della copertura di determinate aree. L’intervento, in particolare, ha riguardato la sostituzione di numerose telecamere esistenti in diverse zone del Teatro, sia all'interno sia all' esterno, con nuove telecamere di ultima generazione connesse in rete, installate nel massimo rispetto della struttura architettonica e dei manufatti esistenti. In questa prima fase dei lavori è stata inoltre implementata parte dell’architettura di rete, tenendo in considerazione il progetto complessivo. Nella sala di controllo è stata realizzata una delle due postazioni di lavoro previste costituita da un client con due monitor per la visualizzazione e la gestione dei flussi video live e registrati. Tutti i componenti del sistema hanno un’alimentazione di supporto costituita da gruppi ausiliari UPS offerti dalla società Riello UPS che, in caso di mancanza di rete, garantiscono autonomia all'impianto.

«Dietro alla meraviglia di uno spettacolo o di un concerto sublimi – dichiara Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby – ci sono sempre una macchina scenica e una struttura organizzativa e impiantistica assolutamente precise e affidabili. In questo discorso rientra il tema della sicurezza, che deve ovviamente essere ai massimi livelli in un contesto come il Teatro La Fenice, che è fruito quotidianamente da centinaia di spettatori e che è uno dei più importanti e prestigiosi luoghi di spettacolo in Italia. E’ per noi una grande soddisfazione aver attivato questa importante collaborazione con la Fondazione Teatro La Fenice, che ha dimostrato una sensibilità non comune verso il tema della sicurezza e della protezione del proprio straordinario Teatro in una logica di analisi e prevenzione dei rischi». 

«Per un teatro come il nostro – aggiunge Andrea Erri, direttore generale della Fondazione Teatro La Fenice – la sicurezza è una priorità, quanto lo sono la qualità della produzione artistica e l’apprezzamento degli spettatori. Un luogo come la Fenice, terzo luogo culturale della città di Venezia per frequenza di visitatori, ha la necessità di essere salvaguardato e protetto, anche in virtù del patrimonio culturale che rappresenta, tanto straordinario quanto fragile. Per questo siamo molto grati alla Fondazione Enzo Hruby, che ha da tempo intrapreso una preziosa collaborazione con il nostro Teatro, e ci auguriamo che questa partnership si consolidi e amplifichi sempre più . Siamo inoltre convinti che la cultura della sicurezza debba essere perseguita con grande vigore e condivisa quale principio fondamentale soprattutto con le nuove generazioni, perché la bellezza che abbiamo l'onore di vivere ogni giorno a contatto con il Teatro più bello del mondo ci appartiene, e abbiamo la responsabilità di lasciarla a chi verrà dopo di noi».