Questo servizio utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di utilizzo.

Cliccando su Approvo, acconsenti all'uso dei cookie.

Martedì, 27 Febbraio 2024
A+ R A-

I vincitori del Premio H d'oro 2023 celebrati alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano

Milano, 21 dicembre 2023 - Si è conclusa ieri, nel corso di un prestigioso evento alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, la diciassettesima edizione del Premio H d'oro, l'iniziativa della Fondazione Enzo Hrubyvolta a premiare le migliori realizzazioni di sistemi di sicurezza e con esse la professionalità degli installatori e system integrator più qualificati.

Tra le le 77 candidature pervenute quest’anno alla Segreteria Organizzativa del Premio, presentate da 61 aziende, sono stati premiati ben 24 progetti. Novità di questa diciassettesima edizione l’introduzione delle nuove categorieSicurezza per il turismo, Sicurezza del territorio, Sicurezza e domotica, Sicurezza integrata e Sicurezza per la protezione degli animali, che si affiancano a quelle tradizionali e alle quelle più recenti introdotte lo scorso anno. Sono stati inoltre assegnati due Premi Speciali: l'ormai storico Sicurezza su misura e Nuove frontiere della sicurezza: quest'ultimo, come già nella scorsa edizione, assegnato con l'obiettivo di premiare dei progetti particolarmente innovativi, destinati a rappresentare dei modelli per analoghe realtà e a far evolvere il settore. 

Partendo dall'ambito privilegiato dell'azione della Fondazione Enzo Hruby, ovvero quello dei beni culturali, la società R.P. ALARM di Cusano Milanino (MI) ha vinto il Premio H d'oro 2023 nella categoria Edifici Storici con un impianto di sicurezza integrato antintrusione, antipanico e attivazione illuminazione esterna per una cascina del XVIII secolo  in provincia di Milano.

Nella categoria Beni Culturali Museali si è aggiudicata l'ambito riconoscimento la società PIEFFE SISTEMI di Vicenza con un sistema di sicurezza integrato antintrusione, di videosorveglianza, e antirapina/panico destinato a proteggere le grandi mostre alla Basilica Palladiana di Vicenza.

Nella categoria Infrastrutture e Servizi sono risultate vincitrici ex-aequo del Premio H d’oro 2023 le

società CIEMME ELECTRONIC di San Martino di Lupari (PD) e TE.SI.S di Saronno (VA): la prima candidata al concorso con un progetto avanzato di videosorveglianza e analisi video per la sede direzionale di Roma di Banca di Credito Cooperativo; la seconda con un sistema di sicurezza integrato presso un’industria di lavorazione materiali in provincia di Milano.

Risultato ex-aequo anche nella categoria Commercio e Industria, nella quale hanno vinto il Premio H d'oro 2023 la società EVOTECH di Torino con un sistema antintrusione e di videosorveglianza per la protezione di uno stabilimento di produzione in provincia di Torino, e la società TOSINI GROUP di Brescia con un sistema di impianti speciali comprendenti antintrusione, videosorveglianza e controllo accessi per un’azienda di beni di lusso a Milano.

Nella categoria Sicurezza Residenziale hanno vinto ex-aequo il Premio H d’oro 2023 le società GRAZIANO BRUZZESE di Milano, HOME CONTROLS di Milano e MICHELE GALLIONE di Camaiore (LU), la prima con un impianto d'allarme perimetrale con gestione accessi per un condominio in provincia di Milano, le altre due per gli avanzati sistemi integrati realizzati per altrettante abitazioni private in Versilia. 

Nella categoria Videosorveglianza Urbana hanno vinto ex-aequo il Premio H d'oro 2023 il GRUPPO SECURITY CALEFFI di Viadana (MN) con un sistema di videosorveglianza per il Comune di Pomponesco (MN) e la società RRM NETWORK di Vado Ligure (SV) per il sistema di videosorveglianza del Comune di Alassio (SV).

La società S.E.T.I. di Scafati (SA) ha vinto il Premio H d'oro 2023 nella categoria Sicurezza del territorio con un sistema di videosorveglianza per il controllo del livello idrico in alveo per la Protezione Civile del Comune di Genova.

Nella categoria International Award ha vinto il Premio H d’oro 2023 la società  ITALSICUREZZA di Legnago (VR) con un avanzato sistema di videosorveglianza integrato con video analisi destinato all’Aeroporto Internazionale di Daka, in Bangladesh,per la rilevazione dei volatili sulla pista. 

Nella categoria Sicurezza della filiera alimentare, sono risultate vincitrici ex-aequo le società SICURTOM di Gignod (AO) e  TECNO PIU’ di Lammari (LU): la prima candidata al Premio H d'oro con un sistema antintrusione, di videosorveglianza e controllo accessi realizzato  presso un supermercato in provincia di Asti e con un impianto di videosorveglianza di una grotta per la stagionatura delle fontine nel comune di Quart; la seconda, premiata per un sistema di sicurezza antintrusione e di videosorveglianza per l’azienda Pantano Carni in provincia di Padova.

La società SAFETY DIGITAL di Roma ha vinto il Premio H d’oro 2023 nella categoria Sicurezza delle strutture sportive, con un sistema di videosorveglianza realizzato per il Circolo Sportivo Paddle Park di Roma. 

Nella categoria Sicurezza e domotica ha vinto il Premio H d’oro 2023 la società ENRICO DE BERNARDI di Valduggia (VC) con un sistema di sicurezza integrato e domotica per una villa in provincia di Vercelli.

La società ALLARM SUD di Andria si è aggiudicata il prestigioso riconoscimento nella categoria Sicurezza per il turismo con un impianto di videosorveglianza e controllo accessi presso un Bed&Breakfast nel Comune di Andria (BT).

Nella categoria Sicurezza integrata ha vinto la società ZOIS di Solaro (MI), candidata con un sistema antintrusione, di videosorveglianza, control room e sistema audio realizzato per una villa in Spagna, a Ibiza.

Vincitrice nella categoria Sicurezza per la protezione degli animali è invece la società G.V.F. SYSTEM di Milano per il sistema di videosorveglianza a protezione dell’allevamento di cani White King in provincia di Milano.

Un altro risultato ex-aequo, questa volta nella categoria Soluzioni Speciali, è stato raggiunto dalle società ELETTRON di Ghedi (BS) con un sistema di videosorveglianza installato su un carroponte, e SECURSAT di Milano, per la realizzazione di una Global Security Control Room per l’headquarter di Napoli del Gruppo Hitachi Rail Sts. 

Il Premio Speciale Sicurezza su misura, ovvero il riconoscimento dedicato per eccellenza alla capacità dei migliori professionisti nel realizzare soluzioni “su misura” del contesto d’intervento e delle più specifiche esigenze espresse dalla committenza, è stato assegnato quest’anno alla società C.S.G. SISTEMI di Torinoperun sistema di sicurezza integrata e domotica destinato a una villa in Costa Azzurra.

Infine, il Premio Speciale Nuove frontiere della sicurezza è stato assegnato alla società UMBRA CONTROL di Perugia per il sistema antintrusione, di videosorveglianza,  building automation, controllo accessi e rilevazione fumi realizzato per la Mini Metro - metropolitana leggera - di Perugia. 

Le premiazioni si sono svolte dopo la presentazione del Corso di Perfezionamento in Cultural Security Management, organizzato dalla Fondazione Enzo Hruby in collaborazione con l'Università degli Studi di Pavia, durante la quale sono intervenuti come relatori Maurizio Ettore Maccarini, docente di Economia e Gestione dell'Arte dell’Università degli Studi di Pavia, Silvio Mele, già Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Torino ed esperto di Sicurezza Anticrimine per il patrimonio culturale, e Andrea Erri, Direttore Generale del Teatro La Fenice e docente in Economia e Gestione dei beni culturali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, quest'ultimo nominato nel corso dell'evento Amico Onorario della Fondazione Enzo Hruby. 

In questa occasione sono state consegnate inoltre le targhe agli Amici sostenitori della Fondazione Enzo Hruby: la società Umbra Control di Perugia e la società Telefonia e Sicurezza di Como. Dopo la cerimonia i partecipanti hanno preso parte al meraviglioso Concerto di Natale offerto dalla Fondazione Enzo Hruby nella Basilica di Sant'Ambrogio.