Questo servizio utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di utilizzo.

Cliccando su Approvo, acconsenti all'uso dei cookie.

Martedì, 20 Agosto 2019
A+ R A-

La Fondazione Hruby per due mostre straordinarie dedicate al genio del Rinascimento

Leonardo - AutoritrattoA cinque secoli dalla morte di Leonardo da Vinci, l’Italia celebra il genio del Rinascimento con una serie di eventi dedicati alle sue eccezionali opere, fonte inesauribile di ispirazione, universo da esplorare, da immaginare e su cui riflettere. In questo importante anniversario la Fondazione Enzo Hruby ha la soddisfazione e l’onore di contribuire a due delle iniziative di maggior rilievo dedicate al Maestro, organizzate dall'Associazione MetaMorfosi: le mostre "Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro" ai Musei Reali di Torino (16 aprile – 14 luglio) e "Leonardo da Vinci. L'uomo modello del mondo" alle Gallerie dell'Accademia di Venezia (17 aprile – 14 luglio). Nell’ambito di queste mostre la Fondazione sostiene la protezione puntuale di alcuni dei più importanti capolavori esposti, tra cui il celeberrimo Uomo Vitruviano. I progetti sostenuti dalla Fondazione Hruby sono stati realizzati da Centro Sistemi Antifurto di Torino e da Assex Impianti di Mestre (VE), che si sono uniti al suo impegno offrendo un proprio contributo concreto.

Volto della fanciulla"Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro" offre al pubblico il nucleo di disegni autografi di Leonardo da Vinci conservati alla Biblioteca Reale di Torino, comprendente tra gli altri capolavori il famoso Codice sul volo degli uccelli. In mostra una straordinaria raccolta di opere, alcune delle quali in relazione con celebri opere del maestro: i nudi per la Battaglia d’Anghiari, i cavalli per i monumenti Sforza e Trivulzio, il Volto di fanciulla studio per l’angelo della Vergine delle Rocce, il celeberrimo Autoritratto di Leonardo. In mostra anche il Codice Trivulziano, in prestito dalla Biblioteca Trivulziana del Castello Sforzesco di Milano. Accanto ai disegni di Leonardo sono inoltre esposte opere di Verrocchio, Pollaiolo, Bramante, Boltraffio, Michelangelo e Raffaello.

Uomo VitruvianoLa mostra "Leonardo da Vinci. L'uomo modello del mondo" ha invece come fulcro il celeberrimo Uomo Vitruviano, attorno al quale ruotano settanta opere, tra cui trentacinque autografe di Leonardo, che offrono un excursus di estremo interesse sulla produzione dell’artista e ne documentano le ricerche scientifiche con studi di proporzione del corpo umano, botanica, ottica, fisica, meccanica, armi, e con studi preparatori per alcuni dipinti come la Battaglia di Anghiari e la Sant’Anna con la Vergine e il Bambino. Accanto ai disegni veneziani sono esposti altri importanti fogli di Leonardo provenienti dalla Royal Collection di Windsor Castle, dalla National Gallery di Washington, dal Fitzwilliam Museum di Cambridge.

“Sostenere la protezione di queste due mostre straordinarie dedicate a Leonardo da Vinci – dichiara Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby – è per noi motivo di soddisfazione per diverse ragioni, a partire dall’eccezionalità delle opere esposte, delle sedi prestigiose e dei soggetti coinvolti. In questa occasione prosegue la proficua collaborazione che ci lega all’Associazione MetaMorfosi e si rinnova anche il sodalizio con le aziende Assex Impianti e Centro Sistemi Antifurto, che si sono affiancate all’impegno della nostra Fondazione dimostrando una particolare sensibilità e attenzione per la tutela dei beni culturali. Il risultato eccellente che abbiamo raggiunto insieme è una chiara dimostrazione di quanto sia importante che attorno all’attività della nostra Fondazione si uniscano altri operatori del settore che hanno a cura la protezione dello straordinario patrimonio storico e artistico del nostro Paese. Il nostro augurio è che questi progetti di così grande rilievo possano rappresentare anche uno stimolo per comunicare le possibilità che oggi la tecnologia offre, con costi accessibili, per la sicurezza delle opere esposte nei musei, nelle chiese e ovunque sia richiesta una protezione costante e sempre attiva a integrazione dei sistemi di sicurezza presenti nei luoghi di cultura del nostro Paese”.

www.mostraleonardo.it